Basilicata: “Bene farebbe Bardi ad ascoltare il forte grido d’allarme di imprese e sindacati”! A dirlo…

“Verrebbe da dire: che succede in Regione? Quello che a cui stiamo assistendo ha tratti inediti per la Basilicata”.

Questo il commento del capogruppo Pd Roberto Cifarelli all’iniziativa organizzata oggi dalle associazioni datoriali e dalle organizzazioni sindacali dal titolo “Patto tra produttori per il lavoro e lo sviluppo”.

Sottolinea Cifarelli:

“Dopo quasi un anno di governo del cambiamento (in peggio) la giunta regionale capeggiata dal gen. Bardi è stata capace di ottenere un risultato unico e inedito: unire imprese e sindacati nella richiesta di farla finita con gli annunci da campagna elettorale e cominciare davvero a lavorare.

Gli Stati generali del lavoro organizzati dalle organizzazioni sindacali e datoriali di Basilicata segnano un momento importante nella vita economica e sociale della nostra regione.

Non è retorico affermare che il ‘Patto tra produttori per il lavoro e lo sviluppo‘, determinato da una alleanza strategica tra il mondo datoriale e le organizzazioni sindacali, rappresenta uno snodo cruciale per la crescita e lo sviluppo della Basilicata, ma soprattutto sancisce la presa d’atto dell’inconcludenza di un governo che voleva essere del cambiamento.

La scelta operata dal governo Bardi e dalla sua giunta di ritenere altra cosa dalla politica, soprattutto nella definizione delle linee strategiche della programmazione regionale, non è solo un errore, ma mostra tutta la miopia, frutto di una non conoscenza delle dinamiche del governo.

La concertazione è una pratica di governo che tende a operare scelte economiche attraverso una consultazione preventiva delle parti sociali: chi non la fa sbaglia.

Quello che oggi va evitato per il bene della Basilicata e dei lucani è una stagione di contrasti e conflitti sociali“.

E continua dicendo:

“Gli 8 obiettivi programmatici, condivisibili, contenuti nel ‘Patto’ delineano gli assi prioritari che il mondo del lavoro e dell’impresa chiedono con forza alla politica: tenere insieme la ricerca e l’Università, la transizione energetica, la vocazione agroalimentare del territorio, le infrastrutture, una nuova idea di welfare e la relazione sempre più stretta tra Istituzioni e mondo dell’impresa definisce in maniera chiara le direttrici di sviluppo proposte ad una classe dirigente di governo che dovrebbe apprestarsi a ‘pensare’ la nuova programmazione europea 2021-2027.

Bene farebbe il sonnacchioso Presidente Bardi ad ascoltare senza indugio, nell’interesse del destino della Basilicata, il forte grido d’allarme e i consigli lanciati dall’odierna assemblea di imprese e sindacati”.

a
a

VULTURENEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 466)