MELFI: MEDIASHOW, CI SIAMO! 6 NAZIONI, 60 SCUOLE, OLTRE 150 STUDENTI PARTECIPANTI, DECINE DI EVENTI. ECCO IL PROGRAMMA

19esima edizione del Mediashow, le Olimpiadi della Multimedialità organizzate dal Liceo “Federico II” di Melfi.

Nella conferenza stampa presieduta dal dirigente scolastico, Michele Corbo, e dal presidente del Mediashow, Nicola Cavallo, sono stati annunciati tutti i dettagli e il programma completo di una manifestazione che si arricchisce di tanti contenuti.

(Continua a leggere dopo la foto)

corbo cavallo liceo

Il Dirigente Scolastico del Liceo “Federico II” Michele Corbo e il presidente del Mediashow Nicola Cavallo, durante la conferenza stampa

Non solo multimedialità – con il tema portante per questa edizione della lampadina – ma anche cultura, informazione, storia, tradizione, gastronomia, spettacolo.

E un corso di aggiornamento per docenti che, come ha illustrato il presidente Cavallo, vuole porsi l’obiettivo di evidenziare criticità ed efficacia del Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD).

Il dirigente Corbo ha fornito i numeri di questa manifestazione:

“Saranno 6 i Paesi che parteciperanno alla competizione, circa 60 le scuole italiane e oltre 150 studenti ospitati secondo la modalità del gemellaggio.

Tra le novità l’allestimento di 15 stand all’interno della palestra del Liceo con i prodotti realizzati dalle scuole partecipanti alla gara”.

L’inaugurazione si terrà Giovedì 30 Marzo alle ore 08:30 mentre la premiazione avverrà Sabato 01 Aprile alle ore 17:00 nella Sala Consiliare del Comune di Melfi.

Durante la tre giorni ci saranno workshop (dalle bufale sul web alla valorizzazione dei beni culturali, per fare qualche esempio) e poi tavole rotonde, rievocazioni in costume, spettacoli musicali e numerosi ospiti.

Un’edizione, insomma, che si colora di tante connotazioni assumendo un profilo sempre più internazionale.

Ecco di seguito il programma completo.

Potete consultare e scaricare il programma in alta risoluzione con la brochure cliccando anche QUI.

 a
a

VULTURENEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 466)