Basilicata: al via il Premio in onore di “Enzo Laganà” per custodire le nostre specie di frutti, ortaggi e cereali! Ecco i dettagli

Ci sarà tempo fino alle ore 13:00 del 29 Ottobre 2021 per partecipare all‘edizione 2021 del Premio annuale “Enzo Laganà”, per il “miglior agricoltore custode per la conservazione ed il miglioramento dell’agrobiodiversità all’interno della Regione Basilicata“.

L’undicesima edizione del concorso, per la quale anche questa volta è aperta una selezione pubblica, è promossa dall’ALSIA, l’Agenzia Lucana di Sviluppo e di Innovazione in Agricoltura, in collaborazione con:

  • il Dipartimento Politiche Agricole e Forestali della Regione Basilicata;
  • l’Istituto per le Bioscienze e le BioRisorse del Consiglio Nazionale delle Ricerche;
  • l’Associazione Vavilov;
  • la Comunità del Cibo e della Biodiversità dell’area Sud della Basilicata.

La finalità del concorso è quella di:

“invertire il trend di perdita dell’agrobiodiversità mediante il conseguimento dell’incremento netto della quantità dei differenti tipi di varietà di fruttiferi, orticole e cereali su tutto il comprensorio della Regione Basilicata”.

Aniello Crescenzi, direttore dell’ALSIA, ha detto:

“Il prestigioso riconoscimento è intitolato a Enzo Laganà, funzionario ALSIA e giornalista scomparso da alcuni anni, molto impegnato nelle attività di comunicazione e divulgazione dell’Agenzia.

Il concorso sottolinea le attività che da oltre 15 anni l’ALSIA realizza in Basilicata per tutelare e valorizzare l’agrobiodiversità, cioè la biodiversità di interesse agricolo e alimentare, ed è rivolto a tutti gli agricoltori custodi operanti nella regione che conservino e coltivino specie e varietà frutticole, orticole e cerealicole iscritte nel “Repertorio regionale del patrimonio genetico”, istituito ai sensi dell’art.3 della Legge Regionale n.26/2008″.
“Tecnicamente – ha precisato Crescenzi – l’agricoltore custode può essere il proprietario o il possessore del fondo e dei fruttiferi, oltre che delle specie orticole e cerealicole, ivi presenti e normalmente coltivati, ed è quindi il responsabile principale della conservazione “in situ” della biodiversità agricola, della quale redige un preciso inventario per l’anno in corso.

Ma soprattutto è il depositario dell’arte antica del manutenere e proteggere il territorio, a tutto vantaggio delle prossime generazioni: un bene prezioso da tutelare e valorizzare, al pari della agrobiodiversità del quale appunto si fa custode”.

Il sito per il quale si candiderà l’agricoltore custode che vorrà partecipare al premio (azienda, orto, pascolo, giardino etc.) dovrà essere incluso all’interno del territorio regionale.

Al vincitore, selezionato da una Commissione, andrà un rimborso spese di 400 euro:

 “da utilizzarsi per il mantenimento e il miglioramento della biodiversità nel settore frutticolo, orticolo e cerealicolo all’interno della propria azienda, nonché una rappresentazione artigianale del logo dell’Associazione Vavilov da custodire per un anno e passare come testimone al nuovo agricoltore custode dell’anno successivo”.

I vincitori delle edizioni precedenti del concorso non potranno partecipare all’edizione 2021.

L’avviso pubblico e lo schema di domanda sono pubblicati sul sito internet dell’ALSIA all’indirizzo:

https://www.alsia.it/opencms/opencms/Amministrazione-Trasparente/Sovvenzioni/Criteri.html.a
a

VULTURENEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 466)