Reddito di cittadinanza, tantissime lamentele per l’importo dell’assegno. Ecco cosa sta succedendo

Per il Reddito di cittadinanza stanno arrivando tantissime lamentele per l’importo dell’assegno.

L’INPS (Istituto Nazionale della Previdenza Sociale) ha informato gli utenti per cui è stata accolta la richiesta, ma le pagine social dell’Istituto sono state prese d’assalto dai commenti di chi ha saputo l’importo che percepirà (in quanto è molto lontano dai 780 euro).

Ricordiamo che il reddito di cittadinanza non è ancora entrato a pieno regime ma stanno arrivando numerosissime lamentele di migliaia di persone che hanno presentato la domanda per ricevere il sussidio contro la povertà.

Secondo i dati dell’Inps fino ad ora sono state accolte circa 487.000 domande e in tutto le richieste sono state oltre 806.000.

Di queste 177.000 sono le domande respinte mentre circa 125.000 devono ancora essere valutate.

Dal 16 aprile l’Inps ha iniziato a comunicare agli utenti, tramite un sms o via email, se la richiesta è stata accolta, ma a neanche 24 ore dall’invio ufficiale delle comunicazioni la pagina Facebook “Inps per la famiglia” è stata invasa da migliaia di messaggi con numerose lamentele per l’importo del reddito, che per tantissime persone è risultato molto inferiore rispetto a quanto si aspettavano.

Si va infatti dai 40 ai 300 euro, cifre ben lontane sia dai 780 euro menzionati in campagna elettorale che dai circa 500 previsti dal ‘Decretone’.

Tra le migliaia di commenti sulla pagina Facebook dell’INPS, sono in tanti a lamentarsi degli importi, giudicati anche in alcuni casi “ridicoli”.

Ecco alcuni commenti:

  • “40 euro? Vergogna. Ragazza madre di due figli, disoccupata. Questo è l’aiuto che date”;
  • “importo erogato 40 euro, ma per l’affitto non c’è niente?”;
  • “Mi scusi come e possibile io sono sola con 3 minori di 3 anni isee 1760 redditi familiari 5227 l’importo del rdc è di 104 euro e nonostante questo piccolo importo sono esonerata dal lavoro x minori al di sotto dei 3 anni”.

Sono giunte tantissime proteste e lo staff della pagina social INPS sta cercando di gestire la situazione.

Alle lamentele degli importi va aggiunto anche il disappunto di chi, per un motivo o per un altro, si è visto rigettare la richiesta.

La maggior parte delle persone si è chiesta come mai l’importo che è stato erogato è così basso.

Come è stato previsto dalla legge e come riportato anche dall’INPS:

  • “la cifra spettante per Reddito di Cittadinanza o Pensione di Cittadinanza viene elaborata dall’Inps al netto delle prestazioni già spettanti e in applicazione della normativa del RdC votata in Parlamento e illustrata sul sito del Ministero del Lavoro”.

Nonostante la legge e nonostante tutti i dettagli siano scritti e reperibili facilmente online, in molti, evidentemente, avevano fondato le loro aspettative sui 780 euro senza fare i conti con i sussidi e gli altri importi percepiti che, ricordiamo, si vanno a sottrarre al reddito di cittadinanza.

E voi cosa ne pensate?

Di seguito alcune foto dei messaggi giunti sulla pagina social Inps per la famiglia

a
a

VULTURENEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 466)