Occupazione in Basilicata: ecco cosa è previsto entro i prossimi 4 anni. I dettagli

In Basilicata, tra il 2019 e il 2023, crescerà dello 0,5% all’anno il valore aggiunto e dello 0,8% l’occupazione, a fronte di un incremento medio nel Mezzogiorno per entrambi gli indicatori dello 0,6%.

A prevederlo, le stime del rapporto dell’Osservatorio Banche e Imprese di Economia e Finanza su tutte le province meridionali presentato in Senato.

Nel dettaglio, le stime OBI elaborate sulla base di dati disponibili a ottobre 2018 dicono che: saranno Calabria, Campania e Sardegna a registrare la crescita annua maggiore del valore aggiunto (+0,7%) e Calabria, oltre alla Basilicata, quella dell’occupazione (+0,8%).

A livello di province, Matera supera Potenza sia nella crescita del valore aggiunto (+1,4% contro la crescita nulla nel Potentino) che nel livello occupazionale (+0,9% contro lo 0,7%).

Grazie ai benefici derivanti dalla sua designazione a Capitale Europea della Cultura per l’anno 2019, si prevede che la crescita del valore aggiunto di Matera rappresenti la più alta di tutto il Mezzogiorno, seguita da Crotone, che dovrebbe attestarsi su una crescita intorno al punto percentuale.

A livello di macro-area, continuerà a scendere il contributo del Mezzogiorno all’economia italiana; se nel 2000 il 24,7% del valore aggiunto nazionale era prodotto nelle regioni del Sud Italia, nel 2018 questo contributo si è fermato al 22,8%, con una stima per il 2023 fissata al 22,6.

Un crollo di oltre due punti percentuali in 20 anni, causa, ma anche effetto, delle negative dinamiche socioeconomiche registrate nel Mezzogiorno in questi anni, tra le quali il calo dell’occupazione (dal 46,3% del 2004 al 44,5% del 2018) e la crescente migrazione di giovani del Sud (negli ultimi 16 anni quasi 600.000).

Dichiara Salvatore Matarrese, presidente dell’OBI:

“Il divario tra l’economia del Nord e quella del Sud che emerge dal rapporto, è destinato a crescere poiché, da sempre, le crisi impattano maggiormente sull’economia più debole del Paese, il Mezzogiorno, mentre le fasi di crescita premiano di più il Centro-Nord Italia.

In un contesto economico così sperequato, la realizzazione delle autonomie regionali rafforzate avrebbe un impatto devastante, disgregando il Paese e lasciando la parte più debole senza futuro.

Piuttosto, visto che tutte le politiche adottate finora per ridurre il gap sono risultate inefficaci, si cambi logica e passo: il Sud va posto al centro degli obiettivi economici dell’Italia, attuando un programma coordinato ed integrato di investimenti con un’unica cabina di regia, che potrebbe essere l’Agenzia di Coesione.

Alla luce degli ultimi, pessimi dati sulla spesa delle risorse del Fondo Sviluppo e Coesione, meno del 5% a due anni dalla scadenza del programma, si conduca una ricognizione su tutti i finanziamenti stanziati e disponibili per le infrastrutture nel Mezzogiorno, per sbloccarli e attuarli con leggi speciali, come già fatto al Nord per altre opere”.

a
a

VULTURENEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 466)