Lavello: a grande richiesta torna la sagra “U Cauzngidd”! Ecco il programma per un divertimento assicurato

Un grande evento vedrà protagonista Lavello a suon di musica e divertimento!

Finalmente, dopo una lunga attesa, Sabato 20 Novembre dalle ore 18:00 in Piazza Matteotti si svolgerà la Terza Sagra de “U Cauzngidd d Lavidd”.

Come non ricordare le edizioni precedenti, in particolare la prima sagra de “U Cauzngidd”, dove oltre 4.000 persone invasero il centro storico lavellese.

Per la presentazione di questo lieto evento abbiamo raggiunto il Presidente dell’Associazione Socio Culturale “Labellum” Donato Boccone:

“Dopo due anni di riposo forzato, finalmente torniamo a respirare un pò di sana libertà.

Ci voleva!

Ovviamente saranno osservate tutte le precauzioni che la legge attuale impone.

Nelle precedenti edizioni l’entusiasmo verso questo prodotto è stato tanto visto che caratterizza da secoli i pranzi domenicali Lavellesi.

Notevole è stato il riscontro dei turisti, giunti a migliaia anche dalle regioni limitrofe.

Chiaramente, date le circostanze della pandemia, sarà una sagra molto ‘light’ ma non mancheranno:

  • le canzoni di Mauro Vulpio e la sua band,
  • l’esposizione delle auto storiche grazie agli amici dell’associazione ‘Le Mitiche’,
  • i vestiti del passato grazie all’associazione ‘I F’stnidd’,
  • le dimostrazioni del falconiere Donato Massari,
  • i gonfiabili per i bambini,
  • tante graziose casette con innumerevoli prodotti enogastronomici.

I piatti saranno preparati dall’Associazione ‘Cuochi del Vulture’.

Ringrazio il nostro Direttore della logistica Mauro Petruzzelli, Mauro ‘Baffo’ Finiguerra per l’infinita pazienza, Gennaro e Oscar.

Ed infine esprimo profonda gratitudine al Sindaco e alla giunta comunale per aver fortemente creduto in questo progetto che vede la Città di Lavello protagonista sia sul piano culturale ma anche e soprattutto enogastronomico”.

Quindi siete tutti pronti a scatenarvi?

Questa la locandina dell’evento e gli ospiti della serata.

a
a

VULTURENEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 466)