La Ministra Azzolina scrive a tutti gli studenti: “Lasciarvi a casa è una sconfitta, cari ragazzi, riapriremo le scuole”. La sua lettera

La ministra per l’Istruzione Lucia Azzolina scrive una lettera aperta agli studenti pubblicata dalla Stampa.

Ecco quanto riportato:

“Care ragazze, cari ragazzi,

oggi si celebra la vostra Giornata internazionale, si celebrano il diritto allo studio e quello ad esprimervi e a lottare per ciò in cui credete.

È innegabile: il 17 Novembre assume un valore del tutto particolare quest’anno, perché anche la scuola, come il resto del Paese, è nel pieno di un’emergenza.

In tanti mi avete scritto.

Sui social, attraverso i media, anche sulle pagine di questo quotidiano.

Mi avete raccontato preoccupazioni e dubbi.

Ma anche la voglia che avete di ritornare presto, tutti, nelle vostre aule.

Io vi capisco.

Se alla vostra età mi avessero detto ‘Lucia, da domani non si va più a scuola, si studia da casa’, l’avrei presa male.

Probabilmente anche io avrei scritto al Ministro dell’Istruzione.

E per questo sento il dovere di rispondervi direttamente.

Viviamo giorni in cui servono pazienza e responsabilità: siamo dentro una pandemia che è tornata a colpirci con forza.

Ma dobbiamo fare delle scelte, come comunità.

Pesando bene rischi e conseguenze di queste scelte. Penso alla scuola, ovviamente.

Ho avuto un confronto pochi giorni fa con il Comitato tecnico scientifico per l’emergenza.

Non posso che condividere le parole che mi sono sentita ripetere: ‘Le scuole sono un ambiente controllato, ci sono regole severe che vengono rispettate con attenzione anche grazie agli studenti.

Le scuole devono stare aperte.

Una loro chiusura prolungata rischia di impattare negativamente e a lungo termine sulla formazione, sulla capacità di apprendimento, sui livelli di istruzione.

Sull’emotività dei ragazzi‘.

Lo dico anche io senza giri di parole: non dovete essere voi a pagare il prezzo più alto di questa emergenza.

È a voi studenti che il Paese deve dare, ora, la massima priorità.

Guardando ai vostri diritti di oggi, ma anche pensando al domani: a scuola, e non è retorica, si costruisce il futuro, un futuro che cammina sulle vostre gambe.

Ecco perché sto lavorando per riaprire il prima possibile le scuole che hanno avviato la didattica digitale, ma sto lavorando anche perché non ne chiudano altre, in queste settimane.

Chiusure e aperture degli Istituti scolastici, lo sapete, non sono decise dal Ministero dell’Istruzione.

Serve un lavoro di squadra, insieme ai responsabili degli Enti locali e a i Presidenti di Regione.

Amministratori di cui comprendo le preoccupazioni: hanno enormi responsabilità e lavorano ogni giorno per la sicurezza dei propri cittadini.

Li sto chiamando uno ad uno.

Dobbiamo essere tutti d’accordo sul fatto che lasciarvi a casa sarebbe una sconfitta per tutta la comunità.

Lavorando insieme, come fa la politica quando mette al centro il bene dei cittadini, possiamo farcela.

Sono convinta che sarà così.

Ve lo dobbiamo.

a
a

VULTURENEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 466)