Coronvirus, Basilicata: “Sierologici e tamponi anche agli addetti di mense e pulizie nelle scuole”. Questa la richiesta

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa della Filcams Cgil:

“Nelle azioni necessarie che il governo e i ministeri stanno affrontando per far ripartire la scuola in presenza e in sicurezza, c’è il tema della prevenzione e del controllo diagnostico.

Nei protocolli sottoscritti in data 6 e 14 Agosto dai ministeri con le parti sociali per garantire la ripresa delle attività in presenza delle scuole di ogni ordine e grado e dei servizi educativi di tutto il Paese, sono state previste procedure e modalità per realizzare la ripresa e lo svolgimento dell’anno scolastico con le necessarie indicazioni operative volte alla tutela della salute e sicurezza e al contenimento della diffusione del COVID-19.

Tra gli strumenti è stato individuato il controllo diagnostico, dando la possibilità di effettuare test sierologici gratuiti a tutto il personale scolastico, docente e non docente, di tutte le scuole: statali, paritarie e private.

In tal senso e per dare attuazione a quanto sottoscritto nei protocolli, il ministero della Salute ha emanato una nota con gli indirizzi operativi per l’effettuazione, su base volontaria, dei test e molte regioni si sono adoperate per darvi attuazione attraverso percorsi standardizzati.

Dobbiamo però registrare che l’interpretazione data ai protocolli e alla nota del ministero della Salute non tiene conto delle lavoratrici e dei lavoratori che operano in appalto nella scuola.

Oltre agli insegnanti e al personale amministrativo, tutti i giorni ci sono migliaia di lavoratrici e lavoratori addetti a servizi importanti, come la mensa e le pulizie, che sono parte integrante dell’offerta scolastica e garantiscono la pulizia e la sanificazione degli ambienti.

Chiediamo quindi alla Regione Basilicata di estendere anche alle lavoratrici e lavoratori degli appalti di servizi di mensa e pulizia la possibilità di effettuare gratuitamente i test sierologici.

La Filcams CGIL si è battuta, in questi mesi, perché la scuola ripartisse a Settembre in presenza, in sicurezza e con tutti i servizi presenti, questo è ancora il nostro obiettivo primario e ora che le scuole si stanno riaprendo è necessario che sia fatto con le giuste misure di prevenzione e di controllo diagnostico per tutti, senza differenziazioni incomprensibili, anche per i circa 80mila lavoratrici e lavoratori degli appalti dei servizi di mensa e pulizia”.

a
a

VULTURENEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 466)