Basilicata zona rossa, Sindaco di Genzano a Bardi: “Sui ristori risposta decisa. Sono dalla parte della comunità”. La replica

Dopo il documento di protesta sottoscritto da molti Sindaci dell’Anci per ribadire il no alla zona rossa, nella giornata di ieri non si è fatta attendere la replica del Presidente Bardi che ha chiarito come a tale proposito siano già in corso interlocuzioni con il governo centrale.

Nella serata di ieri, a fronte delle dichiarazioni del Governatore, il Sindaco di Genzano (PZ) Viviana Cervellino, ha detto:

“Ho letto la risposta del Presidente Bardi ai Sindaci lucani.

Il rispetto che ho delle Istituzioni e che più sento di dover avere ma anche ricevere, visto il delicato ruolo a cui tutti siamo chiamati in questo momento, mi impone di non replicare in alcun modo, se non nelle sedi opportune di incontro e per il tramite dell’Anci nella conferenza di venerdì.

Una cosa però voglio dirla e riguarda tutti coloro che in questi giorni stanno soffrendo.

La tensione sociale nelle comunità è altissima.

Non si facciano rimpalli e scaricabarile sulla pelle dei lucani.

Sui ristori non si può balbettare. Bisogna dare una risposta decisa.

Ci sono o non ci sono?

I Sindaci sono dalla parte delle loro comunità, per definizione, e mai come ora siamo tutti schierati con i nostri concittadini che stanno soffrendo.

L’appello che rivolgo ai genzanesi nello specifico e ai lucani, in generale, è di non lasciarsi andare né allo sconforto né ad azioni di disordine.
È compito dei Sindaci e delle Istituzioni difendere i vostri diritti.

Io per prima sono molto arrabbiata per quanto sta accadendo: dopo mesi di sacrifici e duro lavoro, siamo ancora qui.

Ma voi dovete tenere duro e mostrare tutta la correttezza – anche verbale! – di cui siete capaci, tutto l’orgoglio di chi non si arrende e fiducia in voi stessi.

È dura per tutti. Per chi ha chiuso, per chi è aperto e non lavora lo stesso, per i bambini, per gli anziani, per i soggetti più fragili. Per tutti.

Coraggio!

Vi abbraccio!”.

a
a

VULTURENEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 466)