Un fiume interminabile di fedeli per fratel Biagio Conte, un Francesco d’Assisi dei nostri tempi: domani l’ultimo saluto. Ecco la sua storia

Biagio Conte ha chiuso gli occhi in pace, Giovedì 12 Gennaio a Palermo, accompagnato dalle preghiere nella Missione ‘Speranza e carità’ a Palermo, cullato da tutto l’amore che ha seminato, in favore degli ultimi, nella sua vita terrena, che adesso ritorna in forma di benedizione.

Anche oggi un fiume interminabile di fedeli fuori dalla Missione “Speranza e Carità”.

Tantissimi palermitani e non solo si sono messi in fila per potere accedere alla camera ardente e dare così l’ultimo saluto al frate laico.

Racconta l’Avvenire:

“Il missionario laico che lottava da tempo contro una gravissima forma di tumore si è spento a 59 anni nella stanza-infermeria della Cittadella del povero e della speranza in via Decollati, una delle zone più difficili della città.

Con lui c’erano i compagni di viaggio più fedeli e quelli che lui chiamava ‘i miei fratelli ultimi’, di cui scelse di occuparsi, dismettendo i panni del rampollo di una famiglia benestante e decidendo di sposarne la causa, condividendo ogni loro affanno.

Don Pino Vitrano, il sacerdote che l’ha sempre accompagnato, celebrando una Messa che ha visto la presenza dello stesso fratel Biagio, nonostante la gravità delle sue condizioni di salute, qualche giorno fa, ricordava:

‘Dopo il primo pellegrinaggio ad Assisi, sulle orme di San Francesco, si dedicò ai poveri di Palermo.

Una sera passò dalla stazione, vide persone che dormivano all’addiaccio.

Tornò a casa, prese un thermos, un Vangelo, un sacco a pelo e li raggiunse.

Ai suoi genitori disse semplicemente: ‘

Ora so quello che il Signore vuole da me’. Poi fondò la Missione di via Archirafi’.

Fu il primo passo di una esistenza spesa per il prossimo, erano gli anni Novanta.

Dopo sarebbero arrivate la Missione femminile e la Cittadella di via Decollati che possono accogliere, con via Archirafi, circa mille persone, sottratte al bisogno e alla strada.

Ogni comunità è dotata di una cucina e di una mensa dove vengono distribuiti tre pasti al giorno (complessivamente circa 2.400 pasti al giorno); è inoltre garantita un’assistenza medica e farmaceutica per tutti i fratelli accolti e dei servizi docce e vestiario.

​Biagio Conte ha dedicato tutto se stesso al suo progetto di solidarietà senza compromessi.

Non ha mai risparmiato il suo fisico, con proteste estreme e digiuni, per pungolare l’indifferenza di troppi davanti alla povertà.

Nell’agosto del 2021 aveva lanciato un messaggio durissimo e limpido:

‘Siamo diventati responsabili e fautori nel produrre nuove povertà, nuove emarginazioni, disagi mentali, depressioni, suicidi e nuovi senza tetto e profughi lasciati alla deriva.

È chiaro che chi parla con questi toni non sempre è gradito, per questo toglierò il disturbo, cercando di non essere più assillante e invadente, come pensa una parte di questa malata società; ma un giorno la verità verrà a galla.

E così ho sentito di ritirarmi in montagna e nel silenzio (dal giorno 9 luglio, sono ad oggi 40 giorni), finendo e portando a termine gli ultimi giorni che il buon Dio mi ha concesso in questa travagliata vita terrena’.

Dopo, era rimasto nella sua trincea del bene, con i pellegrinaggi, i viaggi sterminati a piedi, il cammino con la croce, per essere, insieme, un segno di contraddizione e di speranza.

La notizia della sua morte è stata accolta da grande commozione.

Messaggi sono arrivati dal presidente Mattarella, dal presidente della Regione Sicilia Schifani, dal sindaco di Palermo Lagalla.

L’arcivescovo del capoluogo siciliano, monsignor Corrado Lorefice, che aveva fatto visita a fratel Biagio nei giorni scorsi, ha chiesto a tutti di ‘raccogliere il testimone di un esempio così fulgido.

La sua vita, segno per l’intera città degli uomini, manifesta la fede in Dio alimentata dal Vangelo, la speranza vissuta nella radicale povertà e la carità senza limiti che contribuisce alla trasfigurazione della convivenza umana a partire dai più poveri’.

I funerali saranno celebrati in Cattedrale martedì prossimo, alle 10.30, da monsignor Lorefice.

La camera sarà aperta nel pomeriggio proprio nei locali della Cittadella dei poveri in via Decollati.

Il sindaco Roberto Lagalla ha proclamato il lutto cittadino da oggi sino al giorno dei funerali.

Bandiere a mezz’asta nelle sedi istituzionali e nelle scuole di ogni ordine e grado”.

a
a

VULTURENEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 466)