Nuove restrizioni del Governo: ecco quali sono le attività che devono rimanere aperte! I dettagli

È composta da circa una settantina di voci la lista provvisoria delle attività che resteranno aperte dopo l’entrata in vigore delle nuove misure restrittive (annunciate da Conte per affrontare la situazione inerente il Coronavirus).

Continuano quindi ad operare tutte le filiere ritenute essenziali legate al settore alimentare, farmaceutico, biomedicale e trasporti.

Alcuni sindacati però minacciano lo sciopero generale perchè la lista delle attività autorizzate a proseguire è stata modificata nelle ultime ore.

ALIMENTARI
Restano aperti i supermercati, i discount, gli ipermercati e tutti i negozi di alimentari. Alcune Regioni hanno prodotto ordinanze per ridurre gli orari di apertura (domenica sono chiusi in Emilia Romagna e nel Veneto)

FARMACI
Restano aperte regolarmente farmacie e parafarmacie

TRASPORTI
Il trasporto ferroviario di persone e merci, quello dei passeggeri in aree urbane ed extraurbane, i taxi, il noleggio di auto con conducente, il trasporto marittimo e quello aereo restano attivi. Regolare anche il trasporto delle merci su gomma

TABACCAI
Anche i tabaccai non sono interessati alla stretta

EDICOLE
Continua regolarmente anche la vendita dei giornali

LOTTO E GIOCHI
Si fermano il Lotto, il Superenalotto (anche online). Ferme anche slot machine e Gratta e vinci.

BANCHE, POSTE E ASSICURAZIONI
Regolari anche le attività bancarie e assicurative, restano aperti gli uffici postali

LE ALTRE ATTIVITA’ CHE RESTANO APERTE
Restano attive l’industria delle bevande, la filiera agro-alimentare e zootecnica, l’industria tessile solo legata strettamente agli indumenti di lavoro (escluso, quindi l’abbigliamento).

Le produzioni gomma, materie plastiche e prodotti chimici non saranno interrotte, così come la fabbricazione della carta e raffinerie petrolifere.

Nessuno stop anche alle attività legate all’idraulica, all’installazione di impianti elettricidi riscaldamento o di condizionatori e la fabbricazione di forniture mediche e dentistiche. 

Attive anche la gestione fognaria e quella della raccolta dei rifiuti. 

Non dovrebbero essere intaccati dal provvedimento neanche i servizi veterinari, i call center e i servizi di vigilanza privata oltre alle attività di pulizia e lavaggio delle aree pubbliche.

Nell’ambito della pubblica amministrazione restano “in vita” l’assicurazione sociale obbligatoria, i servizi legati alla difesa e, chiaramente, l’assistenza sanitaria. Esclusi, infine, i servizi di assistenza sociale residenziale e non residenziale.

Di seguito quello che, al momento, è l’elenco ufficiale della attività autorizzate a rimanere aperte.

a
a

VULTURENEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 466)