A Melfi ritorna la storica gara di auto d’epoca per la Coppa d’Autunno! Tra le bellezze del Vulture…

Settant’anni e non sentirli.

Questo il leitmotiv che porta una gara storica per Melfi e per l’intera zona ad avere oggi, come nel 1949 quando nacque, una forte valenza promozionale della città e l’intero Vulture Melfese grazie alla passione di molti di riscoprire il fascino di auto con tanti anni addosso ma ancora bellissime da guidare, da ammirare, da curare come veri e propri tesori e da amare come donne uniche ed eterne.

Ed è proprio la passione per le auto storiche che, nel 2012, ha portato alcuni amici di Melfi, in testa Felice Mallano, attuale presidente del Club Automoto d’Epoca della città di Federico II, a riprendere una gara storica, per farne occasione di promozione territoriale attraverso il binomio tra auto storiche e turismo.

Gara nata nel lontano 1949 grazie all’impegno dell’Ingegnere Michele Pastore, vero e proprio magnate della città, per anni Podestà e sempre impegnato ad offrire valide occasioni di svago e cultura ai suoi concittadini, in virtù di una visione più ampia e totale che desse anche fortissima visibilità e promozione alla stessa Melfi, in zona, in regione, nel sud Italia, nel resto del paese che usciva dalla guerra.

Ha affermato il numero uno del sodalizio di appassionati di auto e moto d’epoca che conta su di un motivato direttivo:

“Oggi, con la XV edizione che disputeremo il 13 ottobre siamo alla nostra ottava Coppa d’Autunno, da quando abbiamo ripreso, insieme all’allora presidente dell’Aci di Basilicata Francesco Solimena, questa gara storica nata nel 1949 e l’edizione di quest’anno sarà davvero importantissima, e più attesa del solito, visto che si è al 70° anno di vita, e per noi sarà un impegno particolare, speciale, anche per ricordare al meglio persone che in questa gara hanno creduto, come il suo ideatore, l’Ing. Pastore, il dottor Del Secolo di recente venuto a mancare che era con noi in questi anni, Francesco Solimena, che ci ha sempre sostenuto nei portare avanti l’evento, al pari della presidenza di questi ultimi anni”.

Data 13 novembre 1949 la prima edizione, con classifica che vide trionfare su di un percorso cittadino nel centro storico di Melfi Luigi Amati, della Scuderia Japigia di Bari, con la sua Fiat 500 Balilla in quello che, allora, era un evento di portata storica per la città, essendo gara nazionale di regolarità, organizzata da Auto Club Pz ed SS Fiamma Melfi, con lo stesso Ingegner Pastore, tra l’altro capace di dare vita al calcio melfitano nel 1929, quest’anno si è al 90esimo anno anche per lo sport più popolare, e ad altri eventi come il Carnevale di Melfi ed il Festival della Canzone, oltre a cinema ed altre forme di arte e cultura.

In attesa dell’evento, come detto il prossimo 13 ottobre, la macchina organizzativa è in piena attività, e si è partiti consegnando, nei giorni scorsi, il Volante d’Argento al Cavalier Tomeo Moretti e la speciale Targa d’Oro del Registro Fiat per aver rimesso a posto un pullman del 1951, prima di ricevere il patrocinio dei centri vicini, Lavello, Venosa, Rionero, Barile, attraversati dalla manifestazione e coinvolti con momenti di intrattenimento, prove speciali e nuove partenze.

Ancora ricerca di nuovi sponsor ed il via dato alle iscrizioni, che si possono effettuare direttamente ai soci per i locali o chi arriva dai centri vicini o inviare via mail compilando l’apposito modello e la quota di euro 50 ad equipaggio (2 persone con pasti e caffè di benvenuto) da versare a mezzo bonifico.

Per i ritardatari, e per chi dovrà per forza rinnovare la tessera Aci per partecipare all’evento che valorizza passione per le auto storiche e bellezze storico paesaggistiche del Vulture Melfese, sarà possibile farla sabato pomeriggio, dalle 16:00 alle 20:00 presso Sfizio in Viale D’Annunzio, vero quartier generale dell’iniziativa, prima che si possa finalmente dare il via alla tanto attesa edizione numero 70 della Coppa d’Autunno a Melfi!

Pronti per questo viaggio emozionante?

Ecco la locandina dell’evento.

a
a

VULTURENEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 466)