Fca di Melfi, è assurdo: ancora autobus rotto e operai a piedi sotto la pioggia! Ecco la denuncia

Riceviamo e pubblichiamo il Comunicato Stampa del responsabile del movimento politico Art.1 dell’area Marmo-Pliatano-Melandro e assessore alle Infrastrutture e Politiche Agricole del Comune di Bella (PZ) per la questione sul trasporto operai FCA per la tratta Bella-San Nicola di Melfi (PZ).

Fa sapere l’assessore:

“In questi giorni e soprattutto ieri dopo la ricezione ufficiale del ‘nuovo’ pullman marca IRIZAR targato CW 716 KH, mi sono congratulato con tutti, a mezzo stampa, per l’interessamento alla risoluzione del problema.

Oggi mi vedo costretto a segnalare nuovamente per l’ennesima volta lo stesso accaduto.

Anche questo autobus è obsoleto; infatti nella giornata odierna gli operai partiti da Bella (PZ) alle ore 12:00, per iniziare il secondo turno in stabilimento FCA, arrivati nei pressi della fermata di San Fele (PZ) l’autobus si è fermato a causa di avaria motore rimanendo gli stessi operai alle intemperie, sotto pioggia e freddo in attesa dell’autobus sostitutivo.

Pur apprezzando l’interesse in un tentativo alla risoluzione del problema, confermo ancora una volta la persistenza dello stesso.

La situazione non è più tollerabile.

Invito tutti, ognuno per la sua parte a mettere riparo ad un annoso problema ormai noto a tutti.

Auspico la piena collaborazione e lo stesso interesse avuto finora per la soluzione definitiva al problema.

Informo che se il problema continua a persistere, nella mia qualità di Responsabile Politico nonché Assessore Comunale di Bella, unitamente ad altre forze Politiche e agli operai di Bella (PZ), San Fele (PZ) ed Atella (PZ) siamo costretti a mobilitarci tramite sciopero o altro, per far rivalere i diritti del viaggiatori.

La salute e la dignità delle persone vanno tutelate sempre e comunque…

Certo di un immediato riscontro, porgo distinti saluti.

Si allegano rilevazioni fotografiche del ‘nuovo’ autobus immesso in servizio”.

 

a
a

VULTURENEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 466)