Ex Auchan di Melfi: “Le persone che vi lavoravano, a tutt’oggi, non hanno risposte concrete sul loro futuro”! La denuncia

La vicenda Ex Auchan di Melfi non trova ancora un epilogo positivo nonostante le ultime notizie dalle istituzioni diano un po’ di speranza.

Ecco la denuncia di un cittadino, giunta alla nostra Redazione:

“Vorrei che si parlasse ancora degli ex lavoratori Auchan.

Mi sta particolarmente a cuore la loro situazione, in quanto conosco persone che vi lavoravano e, a tutt’oggi, non hanno risposte concrete sul loro futuro.

Le lascio immaginare in che stato emotivo/economico riversano tali famiglie.

Per questo chiedo l’attenzione e soprattutto azioni urgenti da parte delle istituzioni e dei sindacati“.

Pochi giorni fa l’assessore alle Politiche di sviluppo, Alessandro Galella, aveva fatto sapere:

“La Regione Basilicata non intende lasciare indietro i lavoratori dell’ex Auchan di San Nicola di Melfi.

In questi mesi, abbiamo lavorato per creare le condizioni più vantaggiose, prevedendo, in raccordo con i Comuni dell’area, incentivi e agevolazioni fiscali e normative.

Abbiamo mantenuto la posta finanziaria di otto Milioni di euro per incentivare le iniziative industriali nel sito produttivo dismesso.

Sono stati riaperti i termini dell’avviso pubblico finalizzato alla reindustrializzazione del polo logistico ex Auchan.

Il bando, andato deserto più volte, sta suscitando l’attenzione di imprenditori interessati a investire nell’area.

Siamo ottimisti sul fatto che tra poco saremo nelle condizioni di avviare le procedure negoziate che consentiranno l’insediamento di nuove attività produttive nel sito.

Voglio rassicurare i lavoratori che saranno salvaguardati i livelli occupazionali.

Non è vero, quindi, che la Regione in questo periodo è stata a guardare.

Siamo andati ben oltre la fase degli incontri, interlocutori e non, agendo concretamente per dare risposte ai lavoratori e alle loro famiglie e rilanciare un’area produttiva importante per l’economia regionale”.

a
a

VULTURENEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 466)