Coronavirus, Rapolla piange la scomparsa di Pino: “Non doveva andare così!”. Due giorni di lutto cittadino per la drammatica perdita

La comunità di Rapolla e l’intera Basilicata  è scossa per la grave perdita del 38enne Giuseppe Larotonda (detto Pino), Vigile Urbano residente a Melfi.

L’uomo era ricoverato presso la Terapia intensiva dell’Ospedale San Carlo di Potenza a causa del contagio da Coronavirus.

In tanti in queste ore si sono stretti al dolore che ha colpito la famiglia.

Molti hanno espresso il proprio cordoglio anche attraverso sentite frasi sui social o con foto ricordo dei momenti più felici vissuti con Pino.

Per questa straziante tragedia, che è arrivata come un fulmine a ciel sereno in un periodo veramente difficile che ci vede affranti ma speranzosi, il sindaco di Rapolla, Biagio Cristofaro, ha proclamato il lutto cittadino in segno di vicinanza alla famiglia, per le giornate del 2 e del 3 aprile 2020.

Il primo cittadino ha espresso anche il personale cordoglio per Pino:

“Trovare parole giuste in questi momenti è difficile.

Ti ho visto indossare la divisa da vigile urbano dal primo giorno con onore e rispetto verso le istituzioni ed i cittadini.

Sentiremo tutti la tua mancanza, la mancanza di un UOMO che ha dato tanto a questa comunità.

La mia vicinanza va alla famiglia in questo mese buio della vita.

La mia vicinanza va alla piccola Nicole ed Alessia che dovranno percorrere una lunga strada ricordando un grande papà e compagno di vita.

Non doveva andare così!

Ciao Compagno Pino, veglia su di noi”.

Non possiamo fare altro che stringerci all’immenso dolore della famiglia, per questa tragedia nella tragedia che non sarebbe mai dovuta accadere.

Di seguito l’Ordinanza.

a
a

VULTURENEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 466)