Coronavirus Maschito, anche il bidello Emilio tra le due persone che hanno perso la vita: “Per tanti è stato di aiuto quando gli zaini erano pesanti”

Il Comune di Maschito (PZ) comunica:

“Oggi ci hanno lasciato i due nonni con cui il Covid non è stato clemente.7

Oggi va via il bidello Emilio.

In tanti ha aspettato davanti al portone della bellissima e indimenticabile scuola ‘IV novembre’. Per tanti è stato di aiuto quando gli zaini erano pesanti, o non riuscivamo a chiudere l’ombrello sul piazzale. Io me lo ricordo con una maglia a righe sul blu, con la riga dei capelli al lato. Emilio era il bidello che ci regalava qualche pezzetto di gesso colorato e ci faceva l’occhiolino. Era un nostro alleato.

E poi oggi vola via anche il signor Saverio.

Un ometto che sembrava uscito da qualche fumetto. Paffutello. Occhi azzurri. Sorriso ed educazione sempre presenti ogni volta che veniva in Comune.

Ecco i primi bilanci del Covid.

Non hanno aspettato molto ad intristire i nostri visi.

Non si sono fatti attendere a destabilizzare le nostre famiglie.

Lo spettro che avevamo solo osservato in televisione è sul nostro territorio.

Purtroppo anche oggi si registra un nuovo caso di positività.

La persona al momento è ospedalizzata. Non possiamo far conoscere il nominativo, perché è un caso particolare e di difficile gestione.

Restate tranquilli perché con le Forze dell’Ordine, il Medico di base, il Farmacista di fiducia della persona, stiamo ricostruendo la lista contatti e avvisando i contatti diretti.

Vi preghiamo di tenere i vostri figli a casa. I vostri ragazzi a casa. Indipendentemente dalla loro età.

Come vedete sono gli anziani i primi a subirne le conseguenze.

A seconda dei dati di questa settimana saranno presi nuovi provvedimenti. Saranno rivalutate delle situazioni che erano state decise diversamente.

Inoltre cercheremo nel più breve tempo possibile di attivare una campagna di screening di tamponi rapidi. Stiamo aspettando solo ulteriori informazioni dalla Regione”.

a
a

VULTURENEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 466)