Basilicata, tornano i temporali: ecco la nuova allerta della Protezione Civile

Un minino al suolo, in spostamento dallo Stretto di Sicilia al Mar Jonio, mantiene attive condizioni di maltempo sulle nostre regioni meridionali con precipitazioni più significative sulle aree ioniche, specie della Calabria, e sulla Sicilia settentrionale, accompagnate da un rinforzo della ventilazione proveniente dai quadranti orientali.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse.

L’avviso prevede dalla serata di oggi, martedì 29 novembre, precipitazioni da sparse a diffuse, a prevalente carattere di rovescio o temporale, sulla Calabria, con maggiore riguardo alle aree ioniche, in estensione, dalle prime ore di domani, mercoledì 30 novembre, a Basilicata e Puglia, specie settori meridionali.

Dalle prime ore di domani si prevede, inoltre, il persistere di precipitazioni sparse, a prevalente carattere di rovescio o temporale, sulla Sicilia, specie settori settentrionali. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, attività elettrica e forti raffiche di vento.

Attesi, inoltre, dalle prime ore di domani, venti di burrasca, con raffiche di burrasca forte, dai quadranti orientali sulla Calabria, in estensione ai settori meridionali di Basilicata e Puglia. Previste mareggiate lungo le coste esposte.

Sulla base dei fenomeni previsti e in atto è stata valutata per la giornata di domani, mercoledì 30 novembre, allerta arancione su alcuni settori della Calabria e della Sicilia. Valutata, inoltre, allerta gialla in Basilicata, su gran parte della Puglia e sui restanti territori della Calabria e della Sicilia.

Il quadro meteorologico e delle criticità previste sull’Italia è aggiornato quotidianamente in base alle nuove previsioni e all’evolversi dei fenomeni.a
a

VULTURENEWS.NET®
(Autorizzazione Tribunale n. 466)